Musiche: Suoni e rumori dal vivo
Tecniche: Black light

Una delle peculiarità del mondo del fumetto
è la possibilità di separare il corpo umano liberamente,
senza che il protagonista risenta di alcun danno…
e di ricomporlo secondo fantasia.

Le braccia e le gambe possiedono una propria autonomia vitale,
sono esseri senzienti, liberi dalla forma dei canoni della logica e della realtà.

Questa fantasticheria arbitraria e surreale
non è di un autore specifico:
tutti gli artisti e in tutte le epoche
si sono divertiti a trasformare e vivisezionare il corpo umano
e ricomporlo liberamente e arbitrariamente:
si tratta di un tema antichissimo.

I temi del mostruoso, del grottesco, del demoniaco,
del fantastico e la loro raffigurazione
li puoi trovare sin nelle raffigurazioni medievali.


Lo stupore aumenta nello scoprire i più inaspettati apporti d’Oriente
ai repertori iconografici occidentali.


Si tratta di un’ininterrotta sopravvivenza del fantastico e
al suo speciale rifiorire in seno al gotico,
in piena epoca di “realismo” medioevale,
passando dal Rinascimento fino ad oggi.

Back to top