TIN TIN, Hergé, 1929
Musiche: Emir Kusturica – Unza unza time
Tecniche: video grafica

Un’altra nuova avventura di Tin Tin tra realtà virtuale e circo nell’esotica Arabia dove i protagonisti sono gli immarcescibili ispettori Dupont Dupont. All’inseguimento del veloce Tin Tin, dell’ubriacone Capinan Haddock e del perfido Rastapopoulos, i poveri Dupont&Dupond si ritrovano nel deserto a morire di sete e di fame: ma la loro proverbiale capacità di sopravvivenza li porterà a trovare una buona gallina da spennare e un bel po’ di bottiglie di Dom Perignon e alla fine della giornata, sazi e ubriachi, troveranno infine il sonno ristoratore Appaiono per la prima volta nell’album DI Tintin del 1934 in bianco e nero I Sigari del Faraone in cui vengono rispettivamente chiamati con i nomi in codice X33 e X33-bis. Essi sono tuttavia presenti in forma anonima in un album a colori Tintin in Congo nel 1946. Non sono stati inclusi nell’edizione originale in bianco e nero.

Appariranno di nuovo nella prima miniatura della prima pagina di Tintin in America. Dupond e Dupont sono fisicamente simili in tutti gli aspetti tranne uno: la forma dei baffi. Membri della Sûreté (Polizia) prima e della Polizia giudiziaria successivamente, i Dupond/t sono conosciuti per la loro poco discrezione ed efficacia durante le indagini.

Sono soliti travestirsi con costumi folcloristici al fine di “mescolarsi tra la folla”, però senza ottenere grandi risultati a causa della loro goffaggine.

Questa disorganizzazione totale si riflette anche nel loro linguaggio. Si vantano – a torto – del loro motto “zitto e mosca”, si dilungano in continue ripetizioni e pleonasmi (ritualmente introdotti dal loro slogan “ma ti dirò di più”) e altre frasi che con l’avanzare della serie diventeranno culto.

Esiste nel mondo dei fumetti un personaggio che è stato protagonista soltanto di 24 storie (in lingua francese), di cui una schizzata a matita. Le prime otto, pubblicate tra il 1929 e il 1941, erano uscite in bianco e nero e in una ‘gabbia’ a sei vignette per pagina. Negli anni Quaranta e Cinquanta del secolo scorso vennero completamente ridisegnate (tranne la prima) per renderle stilisticamente omogenee con quelle che uscivano in albi a colori di 48 pagine con una gabbia a dodici vignette; poi a partire dal 1983 nessuna nuova storia è uscita.

In tutto ciò non ci sarebbe nulla di strano: molte serie a fumetti sono nate e, dopo un certo periodo, si sono concluse e, qualche volta, vengono ristampate in edizioni a bassa tiratura dedicate agli appassionati. In questo caso, però, il personaggio è tuttora popolarissimo: i 23 albi nella versione ridisegnata continuano a essere riproposti come se fossero novità e a vendere milioni di copie a nuove generazioni di lettori di tutto il mondo, i quali non sembrano stupirsi se nelle tavole non compare neppure un computer e se le automobili sono ormai modelli di antiquariato. Intorno a questi 23 albi – che, per numero di pagine, corrispondono per esempio a meno di un anno di produzione di Tex – si è formato un vasto mercato di prodotti derivati: film; serie radiofoniche e televisive; quaderni, libri, diari, poster e cartoline illustrati con vignette tratte da quelle storie. Ci sono persino ricostruzioni delle scene che compaiono negli albi fatte con bellissime statuette in piombo dei personaggi della serie.

Back to top